Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / generale / Ricerca guidata / Documenti /

Documenti

Copertina Arparivista n.5 - 2009

ArpaRivista 5/2009

In relazione al progetto per la ripresa della produzione di energia nucleare in Italia, ArpaRivista dedica un ampio servizio a questo tema. Gli altri argomenti trattati: la dismissione dell´amianto e la qualità dell´aria.

A oltre 20 anni dal referendum con il quale in Italia si interruppe l´attività per l´energia dal nucleare, in seguito all´incidente di Chernobyl, oggi la prospettiva è la reintroduzione con un progetto che prevede la copertura del 25% del fabbisogno energetico nazionale entro il 2020. ArpaRivista ha ritenuto di dare un proprio contributo alla discussione in atto e al crescente bisogno di informazione su questi temi, con un ampio servizio sul nucleare che presenta interventi sullo stato delle conoscenze, valutazioni di carattere economico e sociale, elementi di conoscenza dello scenario internazionale e opinioni diverse in materia. Tra gli approfondimenti lo stato e le prospettive delle diverse generazioni di reattori nucleari, la sicurezza e la competitività economica, il ciclo del combustibile, il decommissioning in Italia e nel mondo, la questione del deposito definitivo dei rifiuti radioattivi, il sistema dei controlli in Italia e in Emilia-Romagna.

Il maxi processo Eternit a Torino ha riacceso l´attenzione sui rischi connessi all´uso dell´amianto. ArpaRivista presenta l´evoluzione del percorso tecnico-scientifico fatto in tutti questi anni, dalla dismissione dell´utilizzo dell´amianto previsto dalla normativa a oggi. L´orizzonte è ampliato anche alle fibre alternative e ai nuovi processi produttivi. Illustrato anche il sistema dei controlli in Emilia-Romagna.

Lo scorso 15 ottobre la Regione Emilia-Romagna, le Province e i Comuni con più di 50.000 abitanti hanno firmato l´ottavo Accordo di programma sulla qualità dell´aria; a partire da questo atto e dalla procedura d´infrazione cui è sottoposta l´Italia da parte della Commissione europea per il superamento del valore limite del PM10, pubblichiamo tre articoli su questo tema.

A fronte di un orizzonte con più ombre che luci in fatto di conservazione della biodiversità, scelte virtuose orientate alla tutela di specie minacciate hanno portato a significative inversioni di tendenza. E´ il caso della Balena franca australe che mostra segni di recupero con un incremento medio annuo stimato nel 7%. I fattori di successo di un progetto specifico condotto in Brasile sono illustrati nell´articolo Fermare il declino della biodiversità si può e un segnale di speranza dalla Balena franca australe.

Chiuso in redazione: 25/1/2010

Prima Pagina

Nucleare

Amianto

LA QUESTIONE AMIANTO
Fabrizia Capuano

La dismissione in Emilia-Romagna
Giovanni Pecchini, Orietta Sala, Tiziana Bacci, Rosanna Braglia

Qualità dell'aria

Qualità ambientale

Rubriche

Legislazione news

Libri