Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Ecolabel UE e strategie di crescita sostenibile

L’Europa guarda con interesse ad Ecolabel UE nella programmazione della crescita ecocompatibile

(25/07/18) 

Con la COM (2018) 97 del 8 marzo 2018 la Commissione UE ha emanato il “Piano d’azione per finanziare la crescita sostenibile”. Il documento si pone l’obiettivo di creare un sistema in cui gli aspetti ambientali e sociali siano parte integrante di qualsiasi scelta economico-finanziaria, in modo da re-indirizzare i flussi di capitale verso investimenti “verdi”. Risulta quindi indispensabile individuare un sistema di classificazione che definisca ciò che è sostenibile, in modo da destinare le risorse a progetti migliori dal punto di vista ambientale e sociale. In tal senso, la Commissione richiama l’etichetta Ecolabel UE a garanzia degli aspetti di sostenibilità di un prodotto/servizio durante l’intero ciclo di vita e pertanto “valuterà l’uso del quadro di riferimento dell’Ecolabel UE per taluni prodotti finanziari”. Questo potrebbe tradursi in un nuovo gruppo di prodotti appetibile per l’Ecolabel UE.
La Commissione UE ha altresì pubblicato il 7 maggio 2018 un documento dal titolo “Verso un quadro di politica di prodotto UE che contribuisca all’economia circolare” disponibile per la consultazione pubblica fino al 4 giugno. Si tratta di una relazione in cui vengono descritte le azioni che la CE intende attuare per migliorare ed integrare le diverse politiche di prodotto nella realizzazione di un Piano d’azione per l’Economia Circolare.
Tra gli approcci richiamati, la “roadmap” cita come strumenti volontari in grado di fornire incentivi di mercato l’Ecolabel UE, evidenziando tuttavia che a fronte di un uptake limitato si rende necessaria una applicazione più strategica dello schema.
La UE sta quindi cercando di coagulare ed integrare gli strumenti di qualificazione ambientale e sociale di prodotti/processi emanati, nell’ambito dei nuovi piani di finanza sostenibile ed economia circolare e questo elemento costituisce senza dubbio un importante volano per il rilancio degli schemi di certificazione europei.



Versione stampabileVersione stampabile