Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Prevenzione dei rifiuti in Europa: il riuso nel 2017

On line in versione scaricabile il report dell’Agenzia ambientale europea sulle politiche, lo stato dell´arte e le tendenze nel riuso

(06/07/18) 

Logo ricicloIl riutilizzo, come si pratica in Europa nell’ambito delle politiche di prevenzione della produzione di rifiuti, è il tema del rapporto “Prevenzione dei rifiuti in Europa: politiche, stato e tendenze nel riuso nel 2017”, prodotto dall’Agenzia ambientale europea e disponibile on line in versione scaricabile.

Il report è il quarto di una serie di relazioni annuali sui programmi di prevenzione dei rifiuti in Europa, previsti dalla direttiva quadro sui rifiuti dell´Unione europea (Ue, 2008).  

Secondo l’articolo 11 della direttiva quadro sui rifiuti, gli stati membri dovrebbero adottare misure appropriate per promuovere il riutilizzo e la preparazione al riutilizzo, così come dovrebbero incoraggiare la creazione e il supporto di reti attive in riutilizzo e riparazione. 

Il rapporto prende in esame 33 programmi nazionali e regionali di prevenzione dei rifiuti adottati entro il 2017, descrive come il tema del riutilizzo viene affrontato e fornisce i dati europei sulla situazione attuale e sulle tendenze.

Il primo capitolo presenta il concetto di prevenzione dei rifiuti all’interno del modello di economia circolare e descrive il contesto politico, inoltre spiega i criteri di approccio e i parametri chiave seguiti nella relazione.

Il secondo capitolo analizza i programmi di prevenzione dei rifiuti, gli obiettivi e le finalità in ordine al riuso, ne analizza misure e indicatori, così come i settori e gli stakeholder interessati.

La situazione attuale e quella potenziale del riuso in settori di prodotti chiave (tessuti, apparecchiature elettriche ed elettroniche, mobili, veicoli, costruzioni e materiali edili) è l’argomento del terzo capitolo.

Infine, vengono illustrati i risultati principali del report così come le prospettive del riutilizzo nel contesto generale dell´agenda dell´economia circolare.

/RM



Versione stampabileVersione stampabile