Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Presenza di schiume sul litorale emiliano-romagnolo

Il fenomeno in atto è causato dagli incrementi delle portate dei fiumi, con conseguenti fioriture algali.

(18/06/18) 

schiuma in mareA seguito di consistenti precipitazioni che da maggio stanno interessando il nord-est della penisola, le portate dei fiumi mostrano significativi incrementi, con aumento di apporti in mare di sali di azoto e fosforo (nutrienti). Questi elementi innescano fioriture algali (fenomeni eutrofici), sia microalgali (non visibili a occhio nudo, ma solo al microscopio) che alterano la colorazione delle acque e riducono la trasparenza, sia di macroalghe. La fioritura di macroalghe e conseguente accumulo interessa particolarmente i primi metri della fascia di balneazione e la zona interna alle barriere frangiflutti e a ridosso di moli e porti.

Le macroalghe verdi sono del tutto innocue e appartengono alla famiglia delle Ulvacee, che stagionalmente fanno la loro comparsa. Queste macroalghe restano fissate al substrato solo nei primi stadi di sviluppo, in seguito si staccano e tendono ad essere trasportate dalle correnti e dal moto ondoso, accumulandosi nei pressi dei porti e sulle spiagge.

I fenomeni eutrofici sostenuti da microalghe stanno interessando l’intera costa emiliano-romagnola dalla battigia fino al confine delle acque territoriali, con concentrazioni elevate soprattutto nella parte settentrionale dell’area, direttamente investita dagli apporti del bacino padano, a seguito delle intense precipitazioni che hanno interessato tutta la pianura padana.

Le alte concentrazioni di clorofilla “a” (indicatore di trofia) sono sostenute da uno sviluppo microalgale caratterizzato da Diatomee appartenenti in particolare al genere Chaetoceros che conferisce alle acque una classica colorazione marrone. La sinergia tra l’azione del vento e il moto ondoso ha favorito la formazione di materiale organico bianco-giallastro addensato (schiume) in superficie, sia al largo che in costa, arrivando ad entrare anche in alcuni portocanali.

L´avvistamento  lungo la battigia di schiume bianche di dimensioni contenute è un fenomeno ricorrente, anche se non frequente. Dette "schiume" in mare sono spesso dovute alla sostanza organica particellata presente nell´acqua di mare (generata dall’intenso fenomeno eutrofico) che viene trasformata “montata” in schiume per azione del moto ondoso e del vento. Questa "trasformazione" si realizza più frequentemente in prossimità di substrati duri (nel nostro caso scogliere frangiflutto, pennelli portuali, massi di protezione) ed in maniera più evidente dopo mareggiate. Le schiume così formate persistono anche per giorni ed è possibile avvistarle "spiaggiate" anche in giornate di calma piatta. Il loro destino è comunque quello di smontarsi e quindi sciogliersi nuovamente in acqua. In pratica sono tensioattivi di origine naturale.

Analogo processo avviene in mare aperto a seguito del passaggio di imbarcazioni che con le eliche effettuano la “montatura” della sostanza organica presente nell’acqua.

All’apparenza sembra materiale mucillaginoso, ma dai monitoraggi effettuati dalla Struttura oceanografica Daphne di Arpae si smentisce tale situazione.

Si ricorda che tutte le informazioni rilevate da questa Struttura sono inserite nel bollettino "Mare in-forma" pubblicato nel sito di Arpae.

Carla Rita Ferrari
Responsabile Struttura oceanografica Daphne 

 

 

 



 



Versione stampabileVersione stampabile