Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

L´Emilia-Romagna in Europa per migliorare la qualità dell´aria

A Parigi si è aperto il primo Clean air Forum. L´impegno della Regione e il progetto Prepair.

(17/11/17) 

L’Europa unita con un obiettivo: migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. È iniziata giovedì 15 novembre, a Parigi, la prima edizione del “Clean air Forum”, il summit promosso dalla Commissione europea per orientare le politiche e i programmi dei Paesi membri a una crescente attenzione alla lotta all’inquinamento atmosferico.

Tra gli italiani presenti, l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, che ha incontrato il commissario Ue, Karmenu Vella, l’assessore della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia, l’esperto del Ministero dell’ambiente, Fabio Romeo insieme a tecnici e professionisti delle due regioni.

“L’Emilia-Romagna è in linea con la sfida europea per un’aria più pulita - afferma Gazzolo -: quella di oggi è una giornata importante per comparare le nostre azioni alle buone pratiche in campo su scala comunitaria e agire secondo un approccio integrato e azioni multilivello, come stiamo già facendo con il Piano regionale dell’aria e l’Accordo di Bacino Padano siglato lo scorso giugno a Bologna, grazie al quale, sono state condivise e uniformate, tra le quattro Regioni, azioni di contrasto all’inquinamento”.

“Alle misure strutturali e di emergenza che stiamo attuando - prosegue l’assessore -, si sta affiancando una grande azione per educare, informare e formare la popolazione alla lotta allo smog: fino al 2024 il progetto Prepair punta a promuovere nuovi stili di vita più sostenibili”.

Le attività di progetto coinvolgono 18 partner, con la Regione Emilia-Romagna capofila, e contano su un finanziamento di 17 milioni di euro, di cui 10 messi a disposizione dall’Europa.

“Puntiamo ad un vero cambio culturale- conclude Gazzolo-. Una sfida che possiamo vincere solo insieme, con la collaborazione dei cittadini e dei portatori di interesse a partire dagli operatori economici, perché abbattere le emissioni è possibile e per farlo serve il contributo di tutti”. 

 

Fonte: Regione Emilia-Romagna



Versione stampabileVersione stampabile