Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Edilizia e illuminazione pubblica: Nuovi criteri ambientali minimi

Aggiornati i CAM per prodotti (lampade e apparecchi) e servizio di progettazione impianti per illuminazione pubblica e i CAM per edilizia

(08/11/17) 

Pubblicati il 18 ottobre 2017 (Gazzetta Ufficiale n. 244 S.O. n. 49) e il 6 novembre 2017 i Decreti del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare del 27 settembre 2017 che approva i “Criteri Ambientali Minimi per l’acquisizione di sorgenti luminose per illuminazione pubblica, l’acquisizione di apparecchi per illuminazione pubblica, l’affidamento del servizio di progettazione di impianti per illuminazione pubblica” e il decreto 11 ottobre 2017 “Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici" che abrogano e sostituiscono rispettivamente il DM  23 dicembre 2013 e il DM 11 gennaio 2017.
 
I nuovi CAM edilizia recepiscono le modifiche introdotte nel codice dei contratti pubblici dal DLgs 19 aprile 2017 n.56, il quale ha previsto, per le categorie d’appalto riferite agli interventi di ristrutturazione, inclusi quelli comportanti demolizione e ricostruzione, che il MATTM indichi criteri per rendere più flessibile l’obbligo di applicazione dei criteri ambientali minimi, in relazione alla tipologia e alla localizzazione dell’intervento da realizzare.
 
I nuovi CAM per l’illuminazione pubblica affrontano principalmente tre ambiti: l’innalzamento delle prestazioni richieste in tema di efficienza energetica, durata e affidabilità degli impianti, un approfondimento dei temi riguardanti l’inquinamento luminoso, il tema degli aspetti sociali connessi agli appalti pubblici.
 
Vai al comunicato del MATTM su illuminazione pubblica.



Versione stampabileVersione stampabile