Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Le acque europee e le sostanze emergenti che possono inquinarle

Il nuovo meccanismo di controllo, denominato Elenco di controllo (Watch List), per monitorare sostanze emergenti potenzialmente inquinanti.

(18/04/17) 

La Direttiva 2013/39/UE, a sostegno della Direttiva quadro acque (WFD) che ha istituito un quadro unitario a livello europeo in materia di acque (superficiali, sia interne che di transizione, marino-costiere e sotterranee), ha messo a punto un nuovo meccanismo per fornire informazioni attendibili sul monitoraggio di sostanze emergenti che potenzialmente possono inquinare l’ambiente acquatico europeo.

Tale sistema, chiamato elenco di controllo (Watch List), prevede il monitoraggio di sostanze emergenti, su tutto il territorio europeo, almeno per un periodo di 4 anni e su un numero ristretto di stazioni significative.

Le sostanze emergenti individuate saranno poi inserite nella lista delle sostanze prioritarie da monitorare per definire lo stato chimico delle acque. 

Ispra ha reso disponibile il rapporto: “Primo monitoraggio delle sostanze dell’elenco di controllo (Watch List)” che riporta i criteri utilizzati per la definizione delle stazioni da monitorare, il metodo analitico utilizzato per l’analisi delle sostanze emergenti e una valutazione dei risultati ottenuti nella prima campagna italiana del 2016.

In Emilia-Romagna sono due i punti di monitoraggio individuati nelle province di Ferrara (stazione di Pontelagoscuro) e di Forlì-Cesena (Stazione 14 di Cesenatico).

Vai alla notizia sul sito di Ispra

L´attività di Arpae in materia di acque 



Versione stampabileVersione stampabile