Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae /

Un accordo internazionale per lo sviluppo sosteniibile

Siglata a Bologna la dichiarazione "Regions for global sustainable development".

(14/06/19) 

Regions for global sustainable developmentI rappresentanti di Regione Emilia-Romagna, Provincia del Gauteng (Repubblica del Sud Africa), Provincia del Guangdong (Cina), Stati della Pennsylvania e della California (Usa), Regione della Nouvelle Aquitaine (Francia) e Land dell’Assia (Germania) hanno firmato a bologna il 14 giugno 2019 un’alleanza, sottoscrivendo la Dichiarazione “Regions for global sustainable development”, con cui si impegnano ufficialmente a una collaborazione concreta sui temi “caldi” dei Big data, della digitalizzazione, della trasformazione dei sistemi produttivi, di quelli di protezione sociale, delle città che cambiano e delle aree periferiche, dei cambiamenti climatici e dell’ambiente. Sfide da cogliere, per risposte che guardino ai bisogni dei cittadini e delle comunità.

Si tratta di una rete aperta, del primo passo verso un’alleanza ancora più ampia: l’Emilia-Romagna invita ad aderire anche altre regioni che vogliano condividere saperi, conoscenze, sperimentazioni e progetti attuati, mettendosi in gioco su questi argomenti, arricchendosi grazie alle esperienze messe in comune dai territori stranieri.

“Con gli Stati e le Regioni che in questi giorni abbiamo riunito qui, a Bologna e in Emilia-Romagna, in questi quattro anni abbiamo costruito rapporti di collaborazione che guardano ai bisogni dei nostri cittadini e delle nostre comunità, per costruire risposte adesso, nel presente, e per il futuro - afferma il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini - perché crediamo che soprattutto in questa fase storica sia un obbligo per i governi territoriali che più si cimentano su ricerca e innovazione mantenere dialogare, confrontarsi e lavorare insieme per creare rapporti stabili, operativi e in grado di prefigurare a livello mondiale delle soluzioni per le principali sfide che ognuno di noi deve affrontare, prima fra tutte quella ambientale e della buona occupazione, stabile e sicura.  L’Emilia-Romagna si fa dunque promotrice di una solida alleanza internazionale, che punta a nuove azioni che possano divenire di riferimento per lo sviluppo globale e sostenibile anche di altri territori. Un successo per tutta la comunità regionale e una conferma della sua natura, aperta e solidale, oggi più che mai indispensabile per garantire crescita e coesione sociale”.

“In questi anni di intense relazioni internazionali - spiega l’assessore regionale a Coordinamento delle politiche europee Università e ricerca, Patrizio Bianchi - abbiamo imparato che per affrontare le grandissime sfide che sono state stilizzate sotto il termine di ‘sviluppo sostenibile’ è necessaria una grande alleanza tra i sistemi scientifici e i sistemi produttivi. Con il progetto del Tecnopolo di Bologna e della Fondazione Internazionale Big Data e Artificial Intelligence for Human Development ancora una volta l’Emilia-Romagna dimostra di sapersi confrontare con le grandi trasformazioni che hanno guidato il mondo fuori dal ventesimo secolo ed oggi è pronta ad essere protagonista del nuovo, nell’idea che i territori siano le forze attive di un processo di globalizzazione positivo e capace di affrontare con senso di responsabilità tutti i problemi ma anche tutte le opportunità che oggi l’umanità ha davanti a sé”.

Fonte: Regione Emilia-Romagna

Regions for global sustainable development



Versione stampabileVersione stampabile