Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in : Arpae / Rifiuti / Siti contaminati /

Siti contaminati

Nella grande variabilità  delle caratteristiche del territorio, un sito contaminato può essere rappresentato da molte e differenti situazioni, non necessariamente adducibili a siti con estese condizioni di rischio sanitario attivo o grave compromissione delle matrici ambientali, identificando casi molto diversi tra loro come gravita’  e superficie, dai più lievi e contenuti, anche puntuali, ai più estesi ed ambientalmente compromessi.

Che un sito sia definito inquinato o contaminato (con varie sfumature date dalla nomenclatura della norma) ha innanzitutto un’origine giuridica, identificando quei lotti di territorio sui quali, a causa di eventi accidentali o incuria, è stato attivato un procedimento amministrativo di bonifica dei siti contaminati (procedimenti chiamati così in quanto titolo della sezione di legge dedicata) ai sensi della Parte Quarta, Titolo V, DLgs 152/06 e s.m.i..

Pertanto, l’attivazione di una procedura di bonifica non è di per sé immediatamente indicativo del livello di inquinamento del sito, trattandosi potenzialmente sia un’area “pulita” sulle quali sono attive le dovute verifiche ambientali innescate e richieste da diverse attività territoriali, sia un’area sulla quale è stata già accertata l’alterazione delle originarie condizioni di qualità  delle matrici ambientali.

Sulla base di questa premessa, volendo fare degli esempi agli estremi e considerando la complessa fisiologica attività della società  sul territorio, un sito sottoposto a procedura di bonifica può essere sia una piccolissima area a margine carreggiata su cui si effettuano le dovute verifiche del suolo a seguito di un incidente stradale, sia una grande area industriale interessata da estesa e già  accertata contaminazione delle acque sotterranee per problemi e incidenti avvenuti con le sostanze di processo.

Che cos´è un sito contaminato

Cos´è un sito contaminato

 

I procedimenti di bonifica possono seguire diversi regimi amministrativi in base alle caratteristiche del sito stesso, distinti in generale in procedura ordinaria e procedure semplificate. L’iter ordinario avviene ex art. 242, DLgs 152/06 e s.m.i., mentre gli iter semplificati seguono l’art. 249, DLgs 152/06 per i siti generici di ridotte dimensioni, il DM 31/2015 specifico per la bonifica dei punti vendita carburante, l’art. 242-bis, DLgs 152/06 per progetti di bonifica che traguardino direttamente le concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) e non le concentrazioni soglia di rischio (CSR). I Siti di Interesse Nazionale (SIN), di competenza del Ministero dell’Ambiente (MATTM), sono regolamentati da procedimenti ex art. 252 e art. 252-bis, DLgs 152/06.

 

Vai al procedimento autorizzativo 

 

Gestione di un sito contaminato (procedura ordinaria)

Gestione di un sito contaminato

 

ANAGRAFE REGIONALE DEI SITI CONTAMINATI

L´anagrafe dei siti contaminati è uno strumento predisposto dalle regione, previsto dalle norme sui siti contaminati (articolo 251 del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.), che contiene: l´elenco dei siti sottoposti ad intervento di bonifica e ripristino ambientale nonché degli interventi realizzati nei siti medesimi; l’individuazione dei soggetti cui compete la bonifica; gli enti pubblici di cui la regione intende avvalersi, in caso d’inadempienza dei soggetti obbligati, ai fini dell’esecuzione d’ufficio.

L´Anagrafe regionale dei siti contaminati è stata istituita dalla Regione Emilia-Romagna l´11 luglio 2016 con DGR n. 1106.

Vai all´Anagrafe regionale dei siti contaminati

 

DATI: I SITI CONTAMINATI IN EMILIA-ROMAGNA

Siti contaminati in anagrafe regionale

Localizzazione dei siti contaminati

 

Iter procedurale

 

Linee guida Arpae

Metodologia per l’individuazione delle migliori tecniche di bonifica e messa in sicurezza dei siti contaminati

 

Link utili

Ministero dell´Ambiente e della tutela del territorio e del mare: Archivio documenti sulle bonifiche 

Ispra - siti contaminati

Rete italiana sulla gestione e la bonifica dei siti contaminati (RECONNET)

Regione Emilia-Romagna: linee guida siti contaminati