Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in :

Calderara di Reno (Bo)

Limitazioni alla circolazione dal 1° ottobre 2020 al 10 gennaio 2021 nel comune di Calderara di Reno (Bo)

SINTESI DELL´ORDINANZA  

MISURE STRUTTURALI E DOMENICHE ECOLOGICHE

Il rispetto dei seguenti obblighi, divieti e limitazioni secondo le seguenti modalità:

A) sulle aree dei centri abitati di Calderara, Longara e Lippo - San Vitale come individuate in planimetria, dall´1/10/2020 fino al 10/01/2021 compresi, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30, nelle giornate di lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì, divieto di circolazione dinamica per tutti i veicoli a motore eccetto quelli:

  • con accensione comandata (benzina ) omologati Euro 2 o successive (conformi direttive 91/542, 94/12 o successive); 
  • con accensione spontanea (diesel ) categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati Euro 4 o successive (conformi direttive 98/69/CE B2 o successive ); 
  • ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successive (conformi direttiva 97/24/CE e successive) 

Il provvedimento di cui al punto A) non si attua nelle giornate festive di martedì 08/12/2020, venerdì 25/12/2020, venerdì 01/01/2021 e mercoledì 06/01/2021.

B) sulle aree dei centri abitati di Calderara, Longara e Lippo - San Vitale come individuate in planimetria, dall´1/10/2020 fino al 10/01/2021 nella fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30 delle seguenti domeniche definite “ecologiche”: 04/10/2020, 18/10/2020, 01/11/2020, 15/11/2020, 06/12/2020, 20/12/2020 e 10/01/2021, divieto di circolazione dinamica per tutti i veicoli a motore eccetto quelli:

  • con accensione comandata (benzina ) omologati Euro 2 o successive (conformi direttive 91/542, 94/12 o successive); 
  • con accensione spontanea (diesel ) categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati Euro 4 o successive (conformi direttive 98/69/CE B2 o successive); 
  • ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successive (conformi direttiva 97/24/CE e successive). 

MISURE EMERGENZIALI

L´adozione delle seguenti Misure Emergenziali attuabili esclusivamente a seguito delle verifiche effettuate da Arpae nella giornata di lunedì e giovedì, se tali verifiche evidenziano, nel Comune di Bologna o in un Comune dell´agglomerato di Bologna o in un Comune con popolazione superiore a 30.000 abitanti della Città Metropolitana di Bologna l´avvenuto superamento continuativo di tre giorni del valore limite giornaliero di 50 microgrammi/m3 di PM10, è previsto, dal giorno successivo alla comunicazione di Arpae (e restano in vigore fino al giorno di controllo successivo), ovvero da martedì o venerdì, su tutte le aree dei centri abitati di Calderara, Longara e Lippo - San Vitale, come individuate in planimetria.

Nella fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30, nel periodo dal 01/10/2020 fino al 10/01/2021, compresi, il blocco della circolazione dinamica per tutti i veicoli a motore eccetto i seguenti:

  • con accensione comandata (benzina ) omologati Euro 2 o successive (conformi direttive 91/542, 94/12 o successive); 
  • con accensione spontanea (diesel ) categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati Euro 5 o successive (conformi direttive 2005/55/CE B2 o successive ); 
  • ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successive (conformi direttiva 97/24/CE e successive ). 

Nel caso che i giorni di controllo e/o emissione dell’eventuale ordinanza di attivazione delle misure emergenziali ricadano in giornate festive, il giorno di controllo e di decorrenza delle ulteriori limitazioni vengono rimandate al primo giorno successivo non festivo (sabato escluso). 

BIOMASSE

Il rispetto, dal 01/10/2020 al 31/03/2021, dei seguenti obblighi, divieti e limitazioni secondo le seguenti modalità:

  • in tutte le unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8), dotate di sistema di riscaldamento multi combustibile (compresa energia elettrica), è vietato utilizzare biomasse combustibili solide (legna, pellet, cippato, altro) negli impianti con classe di prestazione emissiva inferiore a “3 stelle” ovvero nei focolari aperti o che possono funzionare aperti;
  • l’obbligo di utilizzo, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW ai sensi dell’art. 1 comma 3 Decreto del Ministero dell’Ambiente 7 novembre 2017 n. 186 Regolamento recante la disciplina dei requisiti, delle procedure e delle competenze per il rilascio di una certificazione dei generatori di calore alimentati a biomasse combustibili solide, di pellet che, oltre a rispettare le condizioni previste dall’Allegato X, Parte II, sezione 4, paragrafo 1, lettera d) alla parte V del decreto legislativo n. 152/2006, sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2 2014 da parte di un organismo di certificazione accreditato; è stabilito altresì l’obbligo per gli utilizzatori di conservare la pertinente documentazione prescrizioni sul pellet.

Il rispetto, dal 01/10/2020 al 31/03/2021, dei seguenti obblighi, divieti e limitazioni secondo le seguenti modalità:

  • l´adozione delle seguenti Misure Emergenziali attuabili esclusivamente a seguito delle verifiche effettuate da Arpae nella giornata di lunedì e giovedì, se tali verifiche evidenziano, nel Comune di Bologna o in un Comune dell´agglomerato di Bologna o in un Comune con popolazione superiore a 30.000 abitanti della Città Metropolitana di Bologna l´avvenuto superamento continuativo di tre giorni del valore limite giornaliero di 50 microgrammi/m3 di PM10, è previsto, dal giorno successivo alla comunicazione di Arpae (e restano in vigore fino al giorno di controllo successivo), ovvero da martedì o venerdì, su tutte le aree dei centri abitati di Calderara, Longara e Lippo - San Vitale: 
  • in tutto il territorio di Calderara di Reno la riduzione delle temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a massimo 19°C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a massimo 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali):
  • divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di un impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a "4 stelle"; 3) divieto di combustione all´aperto di qualsiasi tipologia (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d´artificio, scopo intrattenimento ecc.) anche relativamente alle deroghe di cui all´art. 182, c. 6-bis del D.Lgs. 152/2006 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco; 
  • divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe. Sono escluse dal divieto le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo; 
  • potenziamento dei controlli con particolare riguardo al rispetto dei divieti di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto e di divieto di spandimento dei liquami. Nel caso in cui i giorni di controllo e/o di emissione dell´eventuale ordinanza di attivazione delle misure emergenziali ricadano in giornate festive, il giorno di controllo e di decorrenza delle ulteriori limitazioni vengono rimandate al primo giorno successivo non festivo (sabato escluso). 

Per deroghe ed esclusioni dal divieto di circolazione si rimanda all’ordinanza completa.

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

Vai al Sito web del Comune - Sito web della Città metropolitana 

Informazioni. Contatti: 051 6461111 - urp@comune.calderaradireno.bo.it

Orari di apertura al pubblico: lunedì-martedì-mercoledì-venerdì-sabato (8.30/12.30) giovedì (8.30/12.30)

Servizio SMS alert della Città metropolitana di Bologna: aggiornamenti sulla manovra antinquinamento e sull´attivazione di misure emergenziali