Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in :

Rimini

Limitazioni alla circolazione dal 1° ottobre 2020 al 10 gennaio 2021 nel comune di Rimini

SINTESI ORDINANZA

1 - La circolazione stradale dinamica privata nel territorio del Comune di Rimini nel periodo 1° Ottobre 2020 – 10 Gennaio 2021 è assoggettata alle limitazioni e disposizioni definite dal punto 2 al punto 8 del dispositivo del presente provvedimento;

2 – Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.30 alle ore 18.30 divieto di circolazione stradale dinamica privata dei seguenti mezzi:
- autoveicoli e veicoli commerciali a benzina Euro 0 ed Euro 1;
- autoveicoli e veicoli commerciali diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3;
- ciclomotori e motocicli Euro 0;

3 – Divieto di circolazione stradale dinamica privata dalle ore 8,30 alle ore 18,30 nelle seguenti domeniche (domeniche ecologiche):
- domenica 4 e 25 ottobre e 2020;
- domenica 15 e 22 novembre 2020.
alle seguenti tipologie di veicoli:
- autoveicoli e veicoli commerciali a benzina Euro 0 ed Euro 1;
- autoveicoli e veicoli commerciali diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3;
⁃ ciclomotori e motocicli Euro 0;

4 – L’Area Urbana del Comune di Rimini in cui si applicano le limitazioni della circolazione è la seguente:
Zona urbana a mare della Strada Statale 16

Per le zone escluse dal divieto di circolazione si rimanda all’ordinanza completa.

5 – Le limitazioni alla circolazione di cui ai precedenti punti sono sospese nei seguenti giorni:

- mercoledì 14 ottobre 2020;
- martedì 8 dicembre 2020;
- venerdì 25 dicembre 2020;
- giovedì 31 dicembre 2020;
- venerdì 1° gennaio2021;
- mercoledì 6 gennaio2021.

6 – Tipologie di autoveicoli e di veicoli ai quali non si applicano le limitazioni alla circolazione di cui ai precedenti punti:
- autoveicoli con almeno 3 persone a bordo (car pooling) se omologate a 4 o più posti;
- autoveicoli con almeno 2 persone a bordo se omologate a 2 o 3 posti, incluso ciclomotori e motoveicoli;
- autoveicoli elettrici e ibridi; - ciclomotori e motocicli elettrici; - autoveicoli alimentati a Gas metano o GPL;
- autoveicoli immatricolati come autoveicoli per trasporti specifici ed autoveicoli per usi speciali, così come definiti dall´articolo 54 del codice della strada.

7- Per le deroghe dal divieto di circolazione si rimanda all’ordinanza completa

8 – Misure emergenziali. In seguito alle verifiche effettuate da ARPAE, nei due giorni di controllo settimanali, il lunedì e il giovedì, in caso di superamento continuativo del valore limite giornaliero per il PM10, nell´ambito territoriale della Provincia di Rimini, sono altresì previste, dal giorno successivo, le seguenti misure emergenziali, fino al successivo giorno di controllo incluso:

8.a In caso di 3 giorni consecutivi di superamento:
- ampliamento delle limitazioni alla circolazione dalle ore 8,30 alle ore 18,30 a tutti i veicoli diesel Euro 4;
- riduzione della temperatura di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a massimo 19° centigradi nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a massimo 17° centigradi nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali), ad esclusione degli ospedali, case di cura, scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive; - divieto di utilizzo di generatori di calore domestico alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore alla classe 4 stelle (così come definite dal Decreto del Ministero dell´Ambiente n.186 del 7 novembre 2017);
- divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli;
- divieto assoluto per qualsiasi combustione all´aperto (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d´artificio, ecc.), anche relativamente alle deroghe consentite dall´art.182, comma 6 bis, del D.Lgs. n.152 del 3 aprile 2006, rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco; - divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe. Sono escluse dal divieto le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo;
- potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti. Dell´attivazione di tali misure emergenziali sarà data notizia alla cittadinanza mediante pubblici avvisi.

9 – La regolamentazione degli impianti a biomassa legnosa destinati al riscaldamento ad uso civile nel territorio del Comune di Rimini nel periodo 1° Ottobre 2020–10 Gennaio2021 è assoggettata alle seguenti limitazioni e disposizioni:
- divieto, nelle unità immobiliari dotate di sistema multicombustibile, di utilizzo di combustibili solidi (legna, pellet, cippato, altro) per riscaldamento ad uso civile, negli impianti con una classe di prestazione emissiva inferiore a 3 stelle (così come definite dal Decreto del Ministero dell´Ambiente n.186 del 7 novembre 2017) e nei focolari/camini tradizionali aperti o che possono funzionare aperti;
- obbligo, nei generatori di calore funzionanti a pellet, di utilizzo di pellet certificato da un Organismo di certificazione accreditatato, conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17255-2.

 

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

 

Informazioni: Urp Comune di Rimini: 0541 704704, dal lunedì a sabato 9-13, martedì e giovedì anche 14-17; urp@comune.rimini.it

Vai al sito web del Comune o al sito Rimini Ambiente