Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in :

Ravenna

Limitazioni alla circolazione nel Comune di Ravenna

 

Limitazioni alla circolazione dall´ 11 gennaio 2021 al 30 aprile 2021 nel comune di Ravenna

SINTESI ORDINANZA

MISURE STRUTTURALI E DOMENICHE ECOLOGICHE

1) La limitazione della circolazione ai veicoli a motore fino al 30 aprile 2021 compreso, sulla porzione del centro abitato di "Ravenna" come da allegata planimetria (All. A), che costituisce parte integrante del presente provvedimento, e come indicato nell´ordinanza.

Divieto di transito fino al 30 aprile 2021 compreso (eccetto festivi), dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 18:30:

a) ai veicoli a benzina precedenti all´Euro 3

b) ai veicoli diesel precedenti all´Euro 4

c) ai veicoli a benzina/GPL - Metano precedenti all´Euro 2

d) ai ciclomotori e ai motocicli precedenti alla normativa Euro 2

Divieto di transito dalle 08:30 alle 18:30 in occasione delle "Domeniche Ecologiche" previste tutte le domeniche comprese fra il 24/01/2021 e il 25/4/2021 a eccezione del 4/4/2021:

a) ai veicoli a benzina precedenti all´Euro 3
b) ai veicoli diesel precedenti all´Euro 5
c) ai veicoli a benzina/GPL - Metano precedenti all´Euro 2 
d) ai ciclomotori e ai motocicli precedenti alla normativa Euro 2.


BIOMASSE

2) Fino al 30 aprile 2021, in tutto il territorio comunale, nelle unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8) dotate di riscaldamento multi combustibile, sia vietato utilizzare biomasse (legna, pellet, cippato, altro):
- nei generatori di calore di cui all´art. 1 comma 3 Decreto del Ministero dell´Ambiente 7 novembre 2017 n. 186 Regolamento recante la disciplina dei requisiti, delle procedure e delle competenze per il rilascio di una certificazione dei generatori di calore alimentati a biomasse combustibili solide, dotati di classe di qualità inferiore alle 3 stelle, così come specificata nell´Allegato 1, punto 1, Tabella 1 al DM sopra citato;
- nei focolari aperti o che possono funzionare aperti.

3) Nei generatori di calore funzionanti a pellet per i quali non vige il divieto di cui sopra (cioè certificati almeno 3 stelle), è fatto comunque obbligo di utilizzare pellet che sia stato certificato, da un Organismo di certificazione accreditato, conforme alla Classe Al della norma UNI EN ISO 17855-2 2014

4) Fino al 30 aprile 2021 e su tutto il territorio comunale, il divieto di abbruciamento dei residui vegetali, ai sensi dell´art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152. Sono sempre fatte salve deroghe a seguito di prescrizioni emesse dall´Autorità fitosanitaria.


MISURE EMERGENZIALI

5) Fino al 30 aprile sarà introdotto un meccanismo di attivazione delle misure emergenziali che comporterà l´adozione preventiva dei provvedimenti di limitazione, in modo da evitare l´occorrenza dei superamenti del valore limite giornaliero di PM10. Le misure vengono attivate quando le previsioni di qualità dell´aria, formulate da Arpae sulla base del proprio sistema modellistico integrato di valutazione e previsione meteorologica e di qualità dell´aria indicano la probabilità di superamento del valore limite giornaliero di PM10 per tre giorni a decorrere da quello di controllo. Le misure emergenziali di seguito indicate, entrano in vigore il giorno successivo a quello del controllo, stabilito nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, e permangono fino al giorno di verifica seguente.
5.1 oltre alle misure di limitazione della circolazione già in vigore dal lunedì al venerdì, fino al 30 aprile 2021 divieto di transito anche ai veicoli diesel precedenti all´Euro 5 
5.2 divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli;
5.3 nell´area indicata in Allegato A, è disposto il potenziamento dei controlli sui veicoli circolanti in base alle limitazioni della circolazione in vigore;
5.4 divieto di utilizzo, in tutto il territorio comunale, di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa nelle Unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo, aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal DM n. 186 del 7 novembre 2017;
5.5 in tutto il territorio comunale, la temperatura negli ambienti di vita riscaldati non deve superare i seguenti valori massimi:
- 19°C ( + 2°C di tolleranza) negli edifici adibiti a residenza ed assimilabili (E1), a uffici ed assimilabili (E2), ad attività ricreative e di culto ed assimilabili (E4), ad attività commerciali ed assimilabili (ES), ad attività sportive (E6);
- 17°C ( + 2° C di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali ed assimilabili (E8); sono esclusi dalle limitazioni di cui sopra ospedali, cliniche e case di cura ed assimilabili (E3) edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli ed assimilabili (E7);
5.6 in tutto il territorio comunale, sono vietate tutte le combustioni all´aperto (falò, barbecue ecc.);
5.7 in tutto il territorio comunale è disposto il divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe;
5.8 sono escluse dalle limitazioni di cui al precedente comma 4.7 le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo. 

Per deroghe ed esclusioni si rimanda all’ordinanza completa. 

  

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

 

 

Informazioni: centralini 0544 482111 / 0544 485111

Vai al sito web del Comune