Temi ambientali
Arpae in regione
Arpae Emilia-Romagna
Ti trovi in :

Formigine (Mo)

Limiti alla circolazione nel Comune di Formigine (MO)

 

Dal 18 gennaio 2021 al 30 aprile 2021 nel comune di Formigine (MO)

 

SINTESI ORDINANZA


MISURE STRUTTURALI e DOMENICHE ECOLOGICHE

Periodo dal 18 gennaio 2021 al 30 aprile 2021
1) Nelle giornate di lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì e nelle domeniche ecologiche, 24/1/2021, 31/1/2021, 7/2/2021, 14/2/2021, 21/2/2021, 28/2/2021, 7/3/2021, 14/3/2021, 21/3/2021, 28/3/201, 11/4/2021, 18/4/2021 e 25/4/2021, nella fascia oraria 8:30 – 18:30, divieto di circolazione dei seguenti veicoli a motore:
- veicoli alimentati a BENZINA PRE EURO e EURO 1;
- veicoli DIESEL PRE EURO, EURO 1, EURO 2 e EURO 3 e limitatamente alle domeniche ecologiche, EURO 4;

- veicoli benzina/metano e benzina/gpl PRE EURO e EURO 1

- ciclomotori e motocicli PRE EURO.

2) Le restrizioni della circolazione di cui al punto 1) trovano applicazione all’interno dell’area del centro abitato di Formigine come approvata con D.G.C. n. 116 del 28/09/2017, rappresentata graficamente nell’Allegato A e delimitata esternamente come segue: Via Gatti, Via Giardini Sud (da rotatoria Via Gatti/Via Quattro Passi a intersezione con Via Achille Grandi), Via Achille Grandi, Via Sassuolo (da intersezione Via Achille Grandi, direzione sud, fino intersezione con Via Costrignano), Via Radici (da intersezione con Via Ferrari a intersezione con Via Romano, Via Romano fino a intersezione con Via Pio La Torre, Via Pio La Torre, Via San Giacomo (da intersezione con Via Mosca a intersezione con Via Beato Rolando Righi), Via Beato Rolando Righi, Via Giardini Nord (inizio area sottoposta a restrizione alla circolazione stradale rappresentata dalla rotatoria Via Resistenza/Beato Rolando Righi), Via Sant’Onofrio (inizio area sottoposta a restrizione alla circolazione stradale rappresentata dall’intersezione con Via Lazio), Via Sant’Antonio (inizio area sottoposta a restrizione alla circolazione stradale rappresentata dall’intersezione con Parcheggio campo da Rugby);

3) MISURE EMERGENZIALI

L’adozione delle seguenti misure emergenziali qualora nei giorni di controllo (lunedì, mercoledì e venerdì di ogni settimana), le previsioni di qualità dell´aria, formulate da Arpae sulla base del proprio sistema modellistico integrato di valutazione e previsione meteorologica e di qualità dell´aria, indicano la probabilità di superamento del valore limite giornaliero del PM10 per tre giorni consecutivi: 

– divieto di utilizzo di generatori di calore alimentati a biomassa combustibile solida (legna, pellet, cippato, altro) nelle unità immobiliari dotate di impianto alternativo;

– abbassamento di 1°C della temperatura negli ambienti riscaldati fino al limite massimo di 19°C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali e di 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali, artigianali ed assimilabili. Sono esclusi da questa disposizione gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive;

– divieto per tutti i veicoli di sostare con motore acceso;

– divieto di spandimento di liquami zootecnici. Sono escluse dal presente divieto le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo;

– potenziamento dei controlli sul rispetto della presente ordinanza.

 

Le misure emergenziali entrano in vigore il giorno successivo a quello di controllo e permangono fino al giorno di verifica seguente e comunque finchè le previsioni dei valori di qualità dell´aria formulate da Arpae sulla base del proprio sistema modellistisco integrato di valutazione e previsione meteorologica e di qualità dell´aria, esclusano la probabilità di superamento del valore limite giornaliero del PM10 per tre giorni consecutivi. Pertanto le misure emergenziali si estendono anche nei giorni festivi e nei giorni di sabato e domenica eventualmente coinvolti.
I giorni di applicazione delle misure emergenziali prendono il nome di giorni smog alarm. Dell’attivazione/cessazione delle presenti misure emergenziali sarà data notizia alla cittadinanza attraverso gli organi di informazione. 

4) divieto di abbruciamento dei residui vegetali nel periodo 18 gennaio - 30 aprile ai sensi dell´art. 182 comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152. Sono sempre fatte salve deroghe a seguito di prescrizioni dall´Autorità fitosanitaria.

5) BIOMASSE 

Dal 18.01.2021 al 30.04.2021, su tutto il territorio comunale, in tutte le unità immobiliari dotate di riscaldamento multicombustibile è vietato utilizzare biomasse combustibili solide (legna, pellet, cippato, altro):
- nei focolari aperti o che possono funzionare aperti;
- nei generatori di calore di cui all’art.1 comma 3 del D.M. n.186/2017 aventi classe di prestazione emissiva inferiore a 3 stelle, così come definita nell’Allegato 1 del citato D.M.

Il presente divieto si applica esclusivamente ai generatori di calore a biomassa utilizzati per il riscaldamento ad uso civile. Nei generatori di calore funzionanti a pellet per i quali non vige il divieto di cui sopra (quindi certificati 3 stelle o superiori) è fatto comunque obbligo di utilizzare pellet certificato conforme alla Classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2:2014.

 

Per deroghe ed esclusioni si rimanda all’ordinanza completa.  

 

Bollettino Misure emergenziali | Infografica misure emergenziali

 

 

Informazioni. Contatti: 059 416111 -  urp@comune.formigine.mo.it

Vai al sito web del Comune